L'ANGOLO DELLA SCIENZA

Per dare spazio a chi vuol parlare di scienza e di medicina.
Sezione da prendere con le dovute cautele dove è OBBLIGATORIO non prendere troppo sul serio, anzi non prendere affatto sul serio quello che potrebbe essere scritto qui.
Regole del forum
NON prendere mai sul serio quello che c'è scritto in questa sezione. Consultate un medico se avete bisogno.
I responsabili del sito e del forum si manlevano qualsiasi responsabilità per le indicazioni mediche e non presenti in questa sezione.
Bob825
Messaggi: 4208
Iscritto il: 21/06/2014, 20:04
Località: Milano

L'ANGOLO DELLA SCIENZA

Messaggio da Bob825 »

Premesso che non sarebbe male dedicare uno spazio a sè a questo argomento che tanto interesse suscita :!:
voglio suggerire, con questo mio primo post, un saggio di Carlo Rovelli LA REALTÀ NON E COME CI APPARE che Feltrinelli distribuisce per la gioia mia e di altri 3 o 4 ( non ricordo ) appassionati lettori! :lol:
--------
"Tempo, spazio e materia appaiono generati da un pullulare di eventi quantistici elementari. Comprendere questa tessitura profonda della realtà è l'obiettivo della ricerca in gravità quantistica, la sfida della scienza contemporanea dove tutto il nostro sapere sulla natura viene rimesso in questione, Carlo Rovelli, uno dei principali protagonisti di questa avventura, conduce il lettore al cuore dell'indagine in modo semplice ed avvincente. Racconta come sia cambiata la nostra immagine del mondo dall'antichità alle scoperte più recenti: l'evaporazione dei buchi neri...l'universo prima del Big bang...la struttura granulare dello spazio...il ruolo dell'informazione e...l'Assenzadel tempo in fisica fondamentale. L'autore disegna un vasto affresco della visione fisica del mondo, chiarisce il contenuto di teorie come la relatività generale e la meccanica quantistica...ci porta al bordo del sapere attuale e offre una versione originale ed articolata delle principali questioni oggi aperte Rifiutandosi di contestare l'universo bidimensionale di Bob :!:
Soprattutto, comunica il fascino di questa ricerca...la passione che la anima e la bellezza della nuova prospettiva sul mondo che la scienza svela ai nostri occhi."

efriel
Messaggi: 1438
Iscritto il: 21/06/2014, 19:46

Re: L'ANGOLO DELLA SCIENZA

Messaggio da efriel »

Eppure,caro Roberto,la realtà può solo essere ciò che ci appare.Prigionieri dei nostri sensi,possiamo solo Vedere,Sentire,Odorare,Tastare e Gustare,ciò che la natura ci consente,il resto, lo possiamo accettare per logica,ma la realtà anzi,la Realtà,sarà sempre quella mediata dai nostri sensi.
Ef

Bob825
Messaggi: 4208
Iscritto il: 21/06/2014, 20:04
Località: Milano

Re: L'ANGOLO DELLA SCIENZA

Messaggio da Bob825 »

efriel ha scritto:Eppure,caro Roberto,la realtà può solo essere ciò che ci appare.Prigionieri dei nostri sensi,possiamo solo Vedere,Sentire,Odorare,Tastare e Gustare,ciò che la natura ci consente,il resto, lo possiamo accettare per logica,ma la realtà anzi,la Realtà,sarà sempre quella mediata dai nostri sensi.
Ef
Caro Daniele.. ( ma qui stiamo perdendo il gioco delle parti :lol: ) forse...anzi, sicuramente hai ragione!
Il dubbio può nascere sul numero dei sensi.... :lol:
Ho spesso la sensazione che ve ne sia uno...anzi UNO...che ci fa intuire una realtà della quale gli altri cinque ci nascondono i contorni...
Per esempio...io non ti conosco...e mi rifiuto di identificarti nelle foto di gruppo...eppure la tua presenza asensoriale ha nel mio intelletto una dimensione che la parola empatia misura solo molto parzialmente :lol:
E non è realtà quella?... :geek:

tricio
Amministratore
Messaggi: 2345
Iscritto il: 05/06/2014, 9:52

Re: L'ANGOLO DELLA SCIENZA

Messaggio da tricio »

Interessante Bob. Se ti dicessi chi è nella foto cosa potrebbe cambiare? Cambierebbe forse l'immagine di lui che ti sei precostruito e potrebbe venire meno qualche "sentimento"?

Bob825
Messaggi: 4208
Iscritto il: 21/06/2014, 20:04
Località: Milano

Re: L'ANGOLO DELLA SCIENZA

Messaggio da Bob825 »

tricio ha scritto:Interessante Bob. Se ti dicessi chi è nella foto cosa potrebbe cambiare? Cambierebbe forse l'immagine di lui che ti sei precostruito e potrebbe venire meno qualche "sentimento"?
Cambierebbe probabilmente la percezione della realtà ...nei suoi aspetti meno rilevanti ...quelli forniti dai cinque sensi ufficiali....ma non credo che sia il punto! :lol:
Secondo mè il punto è che la realtà potrebbe NON essere circoscritta in quei cinque sensi cui si riferisce Sar...
Così come Daniele è per Roberto una realtà che li trascende...insieme con Claudio...Tricio...Vilma..e gli altri 25 iscritti a questo forum...ugualmente alcune speculazioni intellettuali sulla natura intima della realtà potrebbero descrivercela in modo affascinante...se non addirittura convincente.. :lol:
Leggete il libro che vi ho suggerito! :!:

Vin5
Messaggi: 364
Iscritto il: 28/06/2014, 22:54

Re: L'ANGOLO DELLA SCIENZA

Messaggio da Vin5 »

Siamo nel campo della realtà condivisa, prossimo alla realtà condivisibile, già quasi estranei alla realtà ipotizzabile....
Le teorie ipotizzabili sono quelle relative alle grandi problematiche irrisolvibili (allo stato attuale) i mondi paralleli, la vita biologica, la nascita dell'universo ecc
La realtà condivisibile è quella che volendo potremmo accertare ma che per motivi "vari" ci piace (o siamo costretti) a mantenere in uno stato indefinito (calza come esempio la scelta di non individuare Daniele tra le innumerevoli foto ci lo ritraggono tra altri in quel d'Africa... )
La realtà condivisa è quella che ci fa dire che quella rosa è rossa (esempio paranoico: SSR) ed è l'unica indiscutibile ma appena usciamo dal margine ristretto di osservazione che ci consentono i nostri 5 sensi usciamo dal condiviso, ma se vi pare poco pensate che senza l'area del condiviso noi non esisteremmo, intellettualmente distinguendoci da altri animali!.... Tutto ciò che siamo deriva dalla capacità di definire il condiviso :toot
Una nota per l'amico Bob per aiutarlo nella sua percezione del condivisibile.... tra le innumerevoli foto della sua partecipazione alle attività in Africa è estremamente agevolativo capire che tra tutti i soggetti ritratti Efriel (Daniele) è uno dei pochi di colore bianco... :!: come volevasi dimostrare....

Bob825
Messaggi: 4208
Iscritto il: 21/06/2014, 20:04
Località: Milano

Re: L'ANGOLO DELLA SCIENZA

Messaggio da Bob825 »

Miei cari...
Sono troppo vecchio e troppo immerso in sofisticazioni che alcuni chiamano scienze cognitive e che pretendono di sostituire la sana antica filosofia...per non saper riconoscere da mille dettagli ciascuno di voi, anche su una foto monocromatica...
Ma da novello Diogene...cerco l'uomo all'interno delle sue effimere sembianze :lol:
Quando ho detto di non volervi identificare in immagini di repertorio mi riferivo ad una volontà precisa di mantenere con voi il rapporto di realtà che trascende l'evidenza dei sensi! :lol:
Tu VIN parli di condiviso...e in un certo senso condivido.. :lol:
Ma tra chi specula filosofeggiando sull'argomento...ci sono coloro che sostengono che la condivisione sia un concetto molto soggettivo!
Per banalizzare...potremmo vedere lo stesso oggetto di colori completamente diversi ( e non è detto che non sia così ) e condividere di chiamare quella percezione ROSSO...
Ora, nel mondo reale quanto ho detto è probabilmente irrilevante...ma nel mondo affascinante dove il sesto senso ci dice potrebbe risiedere una verità più vera...ci stanno pure le nostre quantistiche intuizioni ...empatie ...simpatie ed antipatie! :lol:
Per concludereVI CONOSCO ma mi interessa di più, di tanti amici, quello che NON conosco! :lol:
Ed anche se sono fuori Topic..CONDIVIDO , che l'elemento caratterizzante della locandina ( come credo di avere detto ) sia l'ACQUA e debba essere evidenziata in un colore simile...che la definisca come fonte di VITA.. :geek:

Vin5
Messaggi: 364
Iscritto il: 28/06/2014, 22:54

Re: L'ANGOLO DELLA SCIENZA

Messaggio da Vin5 »

Bob se non fosse perché in questo nostro ambito virtuale la realtà è tutta nelle parole scritte mentre il condiviso e il condivisibile è nell'interpretazione delle stesse, direi che se questo fosse tutto, sarebbe comunque sufficiente per sviluppare amicizie intese e perché no anche altre realtà ipotizzabili. Ma anche qui come nella nostra tanto vituperata realtà le scelte il piacere della condivisione e dell'incontro è assolutamente fattore determinante per la partecipazione. Ecco dunque che nel nostro reale quello della vita degli ex focusiani ora più prossimi alla realtà di SSR, l'incontro, la conoscenza fisica siano la sintesi di una scelta già fatta, che di tutti i ragazzi e le ragazze conosciuti in rete attraverso focus.it nessuno ha smesso di essere quello che era... anzi spesso la realtà ha superato le aspettative. Non voglio in alcun modo dissuaderti dalla tua logica e dalle tue scelte voglio solo rappresentarti il piacere di leggerti e di conseguenza il desiderio di conoscerti. Già altri prima di te hanno optato per restare solo nel virtuale, ricordo l'amico Oniatan estroverso medico compagno di tante discussioni sul senso della vita in cui partendo da presupposti molto simili se non addirittura uguali arrivavamo a conclusioni da guerra aperta lui fautore di un'organizzazione universale una specie di DNA che portava la vita ovunque ed io lo sai difensore della casualità, anche lui dicevo era e rimane un amico solo :cry: virtuale...
Quanto al colore della rosa, si certo anche nel condiviso potrebbe esser opinabile... beh è proprio la partecipazione collettiva che consente al fioraio di mettere il cartello "rose rosse 8€ cd." :)

Bob825
Messaggi: 4208
Iscritto il: 21/06/2014, 20:04
Località: Milano

Re: L'ANGOLO DELLA SCIENZA

Messaggio da Bob825 »

Caro VIN,
Sarà perchè gli anni, passando, trasformano la carne di noi Sapiens in quello che è...aggregato quasi putrido di molecole organiche...che quel poco o tanto di inorganico che ci anima acquisisce sempre più importanza e suggestione divina :lol:
Quella me*** di cui siamo plasmati condivide con altri escrementi l'analogia dei sensi...dei cinque sensi...anche se il più coinvolto è l'olfatto :!:
Una serie di convenzioni sociali ci isolano spesso in comportamenti ed atteggiamenti che frenano i nostri istinti...Quelli che ci porterebbero a condividere una realtà virtuale tanto più vera quanto meno legata alla citata sensorialità.
Personalmente , i magnifici supereroi ritratti nelle foto di gruppo di Tricio, finiscono per soddisfare con la loro realtà fisica quella parte del mio essere che quella realtà va lentamente perdendo :lol:
L'attesa di una risposta...o di un pensiero..di VIN...o Efriel...o Tricio...o Claudio...o Vilma..o quanti altri amici ho sfrugugliato per ottenerli...vale quasi una VITA per chi ne ha dinnanzi...meno di niente! :!:

Claudio
Messaggi: 909
Iscritto il: 26/06/2014, 0:48

Re: L'ANGOLO DELLA SCIENZA

Messaggio da Claudio »

Bob825 ha scritto:Caro VIN,
Sarà perchè gli anni, passando, trasformano la carne di noi Sapiens in quello che è...aggregato quasi putrido di molecole organiche...che quel poco o tanto di inorganico che ci anima acquisisce sempre più importanza e suggestione divina :lol:
Quella me*** di cui siamo plasmati condivide con altri escrementi l'analogia dei sensi...dei cinque sensi...anche se il più coinvolto è l'olfatto :!:
Una serie di convenzioni sociali ci isolano spesso in comportamenti ed atteggiamenti che frenano i nostri istinti...Quelli che ci porterebbero a condividere una realtà virtuale tanto più vera quanto meno legata alla citata sensorialità.
Personalmente , i magnifici supereroi ritratti nelle foto di gruppo di Tricio, finiscono per soddisfare con la loro realtà fisica quella parte del mio essere che quella realtà va lentamente perdendo :lol:

L'attesa di una risposta...o di un pensiero..di VIN...o Efriel...o Tricio...o Claudio...o Vilma..o quanti altri amici ho sfrugugliato per ottenerli...vale quasi una VITA per chi ne ha dinnanzi...meno di niente! :!:
Che vuoi ? il mio parere. Noi riceviamo attraverso gli organi di senso continuamente urti di particelle ed onde (ed è questa l'unica realtà oggettiva della materia); poi attraverso gli organi di senso che inviano i segnali al cervello, trasformiamo questi impulsi in una realtà sempre soggettiva. Non esiste la rosa rossa come non esiste la luce, ma un infinità di corpuscoli e di onde che colpiscono la retina, e questa trasmette un sagnale al cervello che interpreta tale segnale come luce, rosso o giallo ecc.
Certo ci può essere una convergenza fra gli esseri umani, quasi tutti vedono che quella rosa è rossa, ma è l'interpretazione soggettiva che varia, ad esempio quel rosso può essere bello, può commuovermi, può non dirmi nulla, ecc.
Per gli animali quella rosa non è detto che sia rossa, e sappiamo che gli animali vedono i colori in modo diverso.
Così una fotografia ed i personaggi che vi sono rappresentati, quel dato personaggio può farmi pensare una determinata cosa, mi può apparire bello, brutto, insignificante, importante, mi può suscitare simpatia, oppure posso respingerlo e dire che , stando a quello che vedo , è un pedofilo.
E' tutto, Bob, estremamente soggettivo. :!:

Immagine
immagine 72025 di claudiosauro, su Flickr

""aggregato quasi putrido di molecole organiche...che quel poco o tanto di inorganico che ci anima acquisisce sempre più importanza e suggestione divina ""

Bè non esagerare, le molecole anche di un anziano non sono putride, lo diventano caso mai dopo la morte. Ma da momento che cerchi in tutto ciò un "importanza ed una suggestione divina", ti dirò che quanto detto non ha nulla a che vedere con lo spirito, che è una forza a se stante, che si serve del cervello solo per recepire segnali ed esperienze, e trasformarle poi in idee semplici. :mrgreen:
Ultima modifica di Claudio il 02/10/2017, 20:46, modificato 1 volta in totale.

Rispondi