angolo dei quiz

Per dare spazio a chi vuol parlare di scienza e di medicina.
Sezione da prendere con le dovute cautele dove è OBBLIGATORIO non prendere troppo sul serio, anzi non prendere affatto sul serio quello che potrebbe essere scritto qui.
Regole del forum
NON prendere mai sul serio quello che c'è scritto in questa sezione. Consultate un medico se avete bisogno.
I responsabili del sito e del forum si manlevano qualsiasi responsabilità per le indicazioni mediche e non presenti in questa sezione.
frugolik
Messaggi: 1131
Iscritto il: 28/07/2014, 16:46
Località: Padova

Re: angolo dei quiz

Messaggio da frugolik »

lig856 ha scritto:
08/07/2020, 20:58
Accidenti Frugo! :D :o
Mi puoi spiegare ... grosso modo..il ragionamento che giustifica i tuoi orari. :lol:
Ciao e grazie! :mrgreen:
Solo un esempio.
Alle 6:30 la lancetta delle ore si è spostata esattamente a metà fra il 6 ed il 7.
Quando quella dei minuti avrá raggiunto quella posizione, quella delle ore si sarà ulteriormente spostata verso il 7...
E così via fino alla sovrapposizione che avverrà appunto verso le 6:32’42” 😜
Un po’ come la corsa fra Achille e la tartaruga 😂

Avatar utente
lig856
Messaggi: 1118
Iscritto il: 08/11/2014, 15:15

Re: angolo dei quiz

Messaggio da lig856 »

Credo aver capito l'errore ma non .... mi è ttto chiaro (demenza senile precoce). :D
Supponiamo che il nostro orolorolgio marchi le 0:00 (la mezzanotte)... ed assumendo chre il quel mentre le due lancette siano perfettamente sovrapposte ..... alle 1.05 la lancettta dei minuti avrà fatto 5 giri da 0 a 12 (e sono passati 5 minuti) ... ma le mancano ancora 5 secondi per allinearsi alla lancetta delle ore.... ma in quei 5 secondi la lancetta della ore si sposta di 30' (decimi di secondo) e l'allineamento dovrebbe avvenire allle 1:05:30 :?: oppure è il paradosso di Achille e la tartaruga! :lol:
Gil
La comprensione delle idee altrui è il sublime dell'intelligenza, il coraggio delle proprie idee è la sublimazione dell'intelligenza
Gillana Giancarlo :ola

Avatar utente
lig856
Messaggi: 1118
Iscritto il: 08/11/2014, 15:15

Re: angolo dei quiz

Messaggio da lig856 »

Mi sono documentato ed ho trovato la soluzione del problema. ”in quanto tempo le lancette dell’orologio si sovrappongono”
Le lancette delle ore e dei minuti si allineano esattamente 11 volte ogni 12 ore. In 12 ore ci sono 12 ore x 60 min/ora x 60 sec/min = 43.200 secondi. Da cui si ricava: 43.200/11 = 3.927,2727 sec, che equivalgono a 1 ora, 5 minuti e 27,2727 secondi.
Così abbiamo i seguenti orari di sovrapposizione:
Lista degli orari delle 11 sovrapposizioni in 12 ore (esclusa quella alla partenza Ore 00.00) :

01:05:27
02:10:55
03:16:22
04:21:49
05:27:16
06:32:44
07:38:11
08:43:38
09:49:05
10:54:33
12:00:00
circa tenendo conto dei centesimi di secondo! :o

Meno male che ho trovato la soluzione altrimenti stanotte non dormivo….”dementia precox:lol:
Gil
La comprensione delle idee altrui è il sublime dell'intelligenza, il coraggio delle proprie idee è la sublimazione dell'intelligenza
Gillana Giancarlo :ola

Avatar utente
lig856
Messaggi: 1118
Iscritto il: 08/11/2014, 15:15

Re: angolo dei quiz

Messaggio da lig856 »

All'inizio, vista la tabella che ho trovato su internet degli orari di sovrapposizione delle lancette, non riuscivo a capire perché la mia prima ipotesi di collimazione alle 1:05:30 non corrispondesse alle 1:05:27 di detta tabella, poi mi sono reso conto che quel risultato sarebbe stato giusto se la lancetta delle ore fosse rimasta fissa a quell'ora ma non ho tenuto conto che contemporaneamente anche la lancetta dei minuti si muoveva e che quidi la velocità angolare del sistema delle due lancette diminuiva, per cui la lancetta dei minuti incontrava prima (circa 3") quella delle ore!. :o
Facendo il conto, consirerando la velocità ancolare relativa delle due lancette, si ottiene lo stesso risultato.....ancora una volta Achille raggiunge la tartaruga! :lol: senza l'aiuto dei limiti... ma questo è possibile con un orologio analogico non con uno digitale perché il risultato di 43.200/11 è un numero periodico ed anche se i matematici sostengono che è un numero reale, non esiste un orologio che ti possa dare la sveglia alle 1:05:2727272727....etc. :lol:

In un analogo problema il sito Youmath mi dava torto dicendo che facevo un minestrone tra fisica e matematica per cui l'orologio ti avrebbe dato la sveglia alle 1:05:27 o meglio per essere più precisi alle 43200/11 secondi .... forse la loro sveglia :mrgreen: ... ma non un orolgio reale per quanto preciso!
Non so se tu sei d'accordo! :D
Gil
La comprensione delle idee altrui è il sublime dell'intelligenza, il coraggio delle proprie idee è la sublimazione dell'intelligenza
Gillana Giancarlo :ola

frugolik
Messaggi: 1131
Iscritto il: 28/07/2014, 16:46
Località: Padova

Re: angolo dei quiz

Messaggio da frugolik »

Non ho particolari commenti da fare a proposito del problema della sovrapposizione delle lancette o della loro precisa opposizione...mentre mi viene in mente qualche riflessione sul citato paradosso di Achille e la tartaruga.
Zenone di Elea, il filosofo presocratico discepolo di Parmenide, fu arguto pensatore impegnato nella ricerca della verità fisica relativa al cosmo.
Di lui ci restano i positivi giúdizi di Aristotele e sei paradossi fisico matematici che Russell definì due millenni e mezzo dopo “incredibilmente sottili e profondi”.
La scuola di Parmenide sosteneva che la realtà fisica dipendesse esclusivamente dal “movimento” ( concetto giá caro ad Eraclito), e che la relativa unitá di misura fosse l’ ISTANTE...una specie di Quanto plankiano indivisibile.
Il più famoso dei sei paradossi, sui quali non mi soffermo perché reperibili agevolmente su motori di ricerca del web, è quello che pone un sofisticato dilemma.
Due atleti che partano di corsa, alla stessa velocità, in direzioni perfettamente opposte, dopo UN ISTANTE si troveranno distanti tra loro DUE ISTANTI...evidente paradosso!🤔
A ben pensarci Einstein si trovò ad affrontare lo stesso paradosso ragionando su due fotoni che si allontanassero fra loro in direzioni opposte, alla velocità della luce.
La logica newtoniana avrebbe suggerito che essi si distanziassero ad una velocità pari a “2c”.
Ma Albertone comprese ed affermò che l’allontanamento relativo dei due fotoni avveniva a velocità “c”...dando ragione a Zenone sul fatto che in un ISTANTE non potessero convivere DUE ISTANTI...😜😜😜

Avatar utente
lig856
Messaggi: 1118
Iscritto il: 08/11/2014, 15:15

Re: angolo dei quiz

Messaggio da lig856 »

Eh! Albertone la sapeva lunga....ma se permetti colgo l'occasione per esporre una mia opinione (che è quella anche di alcuni fisici della new age) per quel che riguarda la Relatività Generale :lol: : gli scienziati si affannano a trovare la materia oscura ormai da tempo e non la trovano, ed il tutto per assecondare le leggi gravitazionali di A.E. (ex leggi di Newton riviste e corrette) poichè le galassie non ruotano con la stessa velocita prevista da Albertone...ma mi viene il dubbio che queste leggi che funzionano perfettamente in un sistema locale...parliamo sempre di anni luce di distanza :o non funzionino più negli spazi profondi del cosmo (milioni se non miliardi di anni luce), d'altra parte il cosmo non può essere ridotto ad un esperimento locale dove poter fare tutte le simulazioni....tutto si basa sull'osservazione da lontano.
Forse un domani le leggi di A.E. dovranno essere riviste e corrette, come è stata rivista e corretta la costante gravitazionale per giustificare l'espansione accelerata del cosmo dovuta forse ad una forza altrettanto oscura.

Anche i vari tentativi di conciliare la meccanica quantistica con la relatività generale (teoria del tutto) sembra destinato al fallimento...non sarà possibile trovare un bosone portatore di una carica di interazione tra la materia (gravitone)...per me la gravità non è una forza fondamentale! :lol: ma è una caratteristica del tessuto spazio-temporale ma la sua eventuale quantizzazione non include il fatto che possa esistere un fenomeno di località tra le due grandezze.... l'entaglement quantistico dovrebbe insegnare...questo è veramente un paradosso, accettato ma non spiegato! :o
Comunque qui l'ho detto e qui lo nego e come al solito... ai posteri l'ardua sentenza... :mrgreen: :D
Ultima modifica di lig856 il 12/07/2020, 7:59, modificato 2 volte in totale.
Gil
La comprensione delle idee altrui è il sublime dell'intelligenza, il coraggio delle proprie idee è la sublimazione dell'intelligenza
Gillana Giancarlo :ola

Avatar utente
lig856
Messaggi: 1118
Iscritto il: 08/11/2014, 15:15

Re: angolo dei quiz

Messaggio da lig856 »

Infatti rispondendo al tuo precedente post sul paradosso di 2 fotoni che viaggiano in senso opposto Einstein ha risposto con una semplice formula:

Velocità relativa=((v1+v2)/(1+(v1•v2)/c^2)=(c+c)/(1+(c•c)/c^2)=2c/2=c
E il tutto deriva dalla nota formula E=m•c^2 dove essendo c e quindi c^2 una costante; all'aumentare della massa, l'energia di un corpo statico aumenta, allo stesso modo in cinematica per spostare un oggetto in moto rettilineo uniforme maggiore è la massa, maggiore è l'energia per spostarlo o viceversa maggiore è l'energia cinetica di un oggetto (e di conseguenza anche la sua velocità) più alta è l'energia necessaria per spostarla.
Ovvero ogni corpo all'aumentare della velocità aumenta di massa (relativistica) e quindi è soggetto ad una inerzia maggiore...come aveva anche intuito mutatis mutandis ... anche lo stesso Galileo Galilei anche senza conoscere le leggi di Newton.
Essendo nulla la massa del fotone la sua velocità e appunto zero e si annulla anche l'energia per spostarlo.
Tuttavia....pur non avendo una massa il fotone possiede una energia che può essere solo un multiplo di un quanto di plank ....ma un aumento di energia di un fotone aumenterà solo la sua frequenza non la sua velocità. :o
Naturalmente ciò lo sanno anche i panettieri ed i parrucchieri o come diceva il mio professore di lettere è noto a "Pistores et Tonsoles". :P
Ma in internet si continua a leggere che la velocità della luce di due fotoni che viaggiano in direzione opposta è 2c. :lol:
Gil
La comprensione delle idee altrui è il sublime dell'intelligenza, il coraggio delle proprie idee è la sublimazione dell'intelligenza
Gillana Giancarlo :ola

Avatar utente
lig856
Messaggi: 1118
Iscritto il: 08/11/2014, 15:15

Re: angolo dei quiz

Messaggio da lig856 »

Spesso alcuni piccoli problemini ce li offre la vita quotidiana. :mrgreen:
L'altro giorno mia moglie mi ha detto "fammi, per cortesia, una fotocopia del contratto di assicurazione della macchina".
E così dicendo mi mostrò dei documenti che aveva estratto da una busta.
Rimasi sorpreso di quanta carta veniva utilizzata per una normale assicurazione per auto, molte però riguardavano la Privacy, comunque adagiai con cura le pagine sul piano della fotocopiatrice, ad una ad una, e dopo aver fatto tutte le copie mischiai le copie con gli originali.
Ma subito mi resi conto che le copie erano indistingubili dagli originali....a quel punto intervenne mia moglie che mi disse "questa è una copia! questo è un originale! questa è una copia! questo......" :D
Facendo l'ipotesi che la carta dell'originale fosse uguale a quella della copia....come aveva fatto mia moglie a distinguere la copia dall'originale.? :roll:
Gil
La comprensione delle idee altrui è il sublime dell'intelligenza, il coraggio delle proprie idee è la sublimazione dell'intelligenza
Gillana Giancarlo :ola

Avatar utente
lig856
Messaggi: 1118
Iscritto il: 08/11/2014, 15:15

Re: angolo dei quiz

Messaggio da lig856 »

Le pagine originali erano piegate perche' messe in una normale busta commerciale! :D
Gil
La comprensione delle idee altrui è il sublime dell'intelligenza, il coraggio delle proprie idee è la sublimazione dell'intelligenza
Gillana Giancarlo :ola

Rispondi