UNA VITA

Se ti senti poeta, se hai le dita che prudono o vuoi renderci partecipi del tuo stato d'animo qui hai tutto lo spazio che ti serve
frugolik
Messaggi: 1114
Iscritto il: 28/07/2014, 16:46
Località: Padova

Re: UNA VITA

Messaggio da frugolik »

Non ho fede mistica!
Ho una cultura scientifica sufficiente a pormi il problema di Dio in termini di razionalitá nel valutare le cause prime dell’esistenza e delle leggi evolutive universali...e preferisco ritenere plausibile una trascendenza che una inspiegata immanenza.
Mi diletto anche a riflettere sulla possibilità che il tempo sia solo un concetto relativo al tipo di percezione che abbiamo delle sequenze cosmiche “causa effetto”, condizionata dall’essere la nostra intelligenza parte del sistema fisico e no “superpartes”.
In tal caso potrebbe la realtà essere “eterna”...senza tempo...che non eluderebbe il problema del “perché” e “come” di una apparenza che evolve.
In termini di misticismo, emotivo e religioso ( in termini vasti ), resto convinto della necessità, oltre che utilità, di sostituire all’etica biologica di specie, tipica delle altre forme di vita, un modello adeguato all’emergenza dell’intelligenza dell’ego umano, in grado di unificare quelle che sono ancor oggi grandi divergenze di “visione”.
Le religioni sono spuntate nelle societá primordiali, ed evolute nelle successive, con quello scòpo.
Non serve demonizzarne le liturgie e sottolineare le deficienze delle amministrazioni del culto, ma riflettere sul fatto che pare assai laico, per quanto riferito metaforicamente al trascendente, cercare di imporre...direi “ricercare”...una visione etica dell’esistenza che unisca anziché dividere intellettualmente.
In questo credo.
E penso che lo spirito della religione cristiana sia allineato a questa grande istanza della specie.

frugolik
Messaggi: 1114
Iscritto il: 28/07/2014, 16:46
Località: Padova

Re: UNA VITA

Messaggio da frugolik »

Gli effetti collaterali della chemioterapia sono, per usare un eufemismo, piuttosto fastidiosi.
Evitare, come nel mio caso, problemi digestivi , inappetenza e vomito, è già un favorevole evento che compensa in parte il resto della sintomatologia.
La disidratazione epiteliare, con relativa infiammazione, che assimila il malato ad una mummia, e la grave astenia che impedisce una plausibile deambulazione, ti fa sentire uno zombie.
Così si resta ad augurarsi che la TAC di controllo mostri qualche risultato positivo della terapia regalando qualche ulteriore periodo di speranza!😥

efriel
Messaggi: 1436
Iscritto il: 21/06/2014, 19:46

Re: UNA VITA

Messaggio da efriel »

Un abbraccio forte amico mio
Ef

frugolik
Messaggi: 1114
Iscritto il: 28/07/2014, 16:46
Località: Padova

Re: UNA VITA

Messaggio da frugolik »

Tra i ricordi più ricorrenti e piacevoli della mie prime esperienze professionali, ci sono quelli relativi al primo team di lavoro cui partecipai, fra le luci intermittenti delle console dei primi elaboratori elettronici.
Avevamo costituito un “gruppo di lettura” per trascorrere il tempo ( allora enorme ) impiegato dal “cervellone” per elaborare le sue applicazioni.
Il collega Teppati, dedicava il suo spazio di lettura alle opere di Jerome, del quale ci eravamo più o meno tutti innamorati.
Ogni capitolo una scorpacciata di risate con singulto, che rallentavano fra le lacrime l’impegno declamatorio dell’amico.
Fra i tanti menziono in questa sede l’episodio della programmata gita in bicicletta di “Tre uomini a zonzo” nella quale un esperto 🤪 conoscitore del mezzo si dà da fare per mettere a punto il biciclo!😂

frugolik
Messaggi: 1114
Iscritto il: 28/07/2014, 16:46
Località: Padova

Re: UNA VITA

Messaggio da frugolik »

NON SONO GLI ANNI DELLA TUA VITA CHE CONTANO
MA LA VITA DEI TUOI ANNI.
( ABRAMO LINCON )

frugolik
Messaggi: 1114
Iscritto il: 28/07/2014, 16:46
Località: Padova

Re: UNA VITA

Messaggio da frugolik »

Al giro di boa del mezzo ciclo chemioterapico totale, comincio ad avvertire gli effetti collaterali dei disturbi gastrici che finora pensavo di aver “sfangato”.
Un senso di pienezza sostituisce il buon appetito del periodo precedente, accompagnato da reflusso gastroesofageo che prelude al senso di vomito.
Me ne farò una ragione se il mio fisico riuscirà a contenere il disturbo entro limiti accettabili.
In generale il fenomeno epidemiologico del COVID-19, che nella mia regione arricchisce di ( giuste ) complicanze la mobilitá di convivenza tesa a proteggere gli immunodepressi come me, stante le mie necessità di frequente spostamento fra casa e luogo di terapia ( IOV ) e le preoccupazioni di isolarsi da contatti che in un nosocomio sono inevitabili ad onta di precauzioni sanitarie spesso solo palliative, mette a dura prova le resistenze psichiche ed emotive di chi convive la tua esperienza.
‘Sto virus non poteva scegliere momento peggiore per manifestare il suo odio nei confronti della vecchiaia e delle sue fragilità!
😡😡😡😡

frugolik
Messaggi: 1114
Iscritto il: 28/07/2014, 16:46
Località: Padova

Re: UNA VITA

Messaggio da frugolik »

Papà, ti sento un po’ depresso...mi dice un figlio lontano, parlandomi al telefono.
Mettiti nei miei panni!
Un anziano cardiopatico, paziente oncologico...leucociti neutrofili quasi a zero...debole risposta immunitaria...con quale spirito si deve recare, due volte alla settimana, per eseguire la terapia, presso un istituto ospedaliero popolato di malati e personale sanitario, potenziali vettori di contagio?
Maledetta la monarchia e la “corona” che la simboleggia! :twisted:

frugolik
Messaggi: 1114
Iscritto il: 28/07/2014, 16:46
Località: Padova

Re: UNA VITA

Messaggio da frugolik »

Chiacchieravo telefonicamente con il figlio di un comune amico😇, oncologo e immunologo ricercatore di buona fama, sui miei problemi di salute.
Il tema del discorso è inevitabilmente virato verso le strane caratteristiche di questa epidemia.
Il COVID-19 ( COrona VIrus December 2019, data del suo isolamento nei laboratori cinesi ) appartiene ad un ceppo virale che ha origini lontane essendosi trasferito da altre specie animali all’uomo, dopo adeguata mutazione, probabilmente nel corso del periodo bellico ( primi anni ‘40 ) nell’area del sud est asiatico.
Complice la promiscuità tra le popolazioni agricole e l’ambiente animale asservito alle esigenze quotidiane.
La maggior parte delle epidemie influenzali procurate a cicli annuali da quel ceppo virale e diffuse verso ovest con morbilità concentrata nella stagione invernake, hanno avuto rapida diffusione contagiando ogni volta una elevata percentuale di popolazione ...dal 2 al 10% ... che per l’Italia significa da oltre uno a sei milioni di individui in modo decisamente sintomatico, tanto da “mettere a letto” i pazienti.
Si valuta che una quantità di individui non superiore, sia stata contagiata asintomaticamente.
Ciò creava un’immunità al virus, e talvolta al ceppo lievemente mutato, che al successivo ciclo influenzale preservava quella popolazione aggredendo solo i non immuni.
Si spiega perché in annate di ceppo virale fortemente mutato la diffusione sia stata più elevata che in altre.
Tuttavia l’aggressività del virus procurava infezioni abbastanza controllate dai sistemi immunitari genetici di specie, rendendo solo più complessi gli interventi immunitari individuali su specifiche deficienze.
Il COVID-19 ha una diffusione ed una virulenza non inferiori alle altre epidemie, quindi è ipotizzabile aggredisca una uguale porzione di popolazione.
Tuttavia la sintomatologia che procura è talmente bassa o inesistente che si evidenzia solo in una minima porzione di infettati.
Le caratteristiche della mutazione, tuttavia, rendono molto efficace la sua azione infiammatoria del sistema respiratorio che reagisce attivando il sistema immunitario periferico, spesso senza successo nei soggetti più fragili.
La complicazione avviene con l’intervento del sistema immunitario centrale ( quello genetico di specie ) che talvolta non riconosce gli anticorpi monoclonali generati dal periferico e, con una reazione autoimmune, li distrugge accentuando gli effetti dell’infezione...così spesso si muore!😥
La ricerca sta tentando varie vie per neutralizzare il virus.
Una di queste, del tutto empirica, è l’estrazione dal siero plasmatico di individui infettati e guariti, degli anticorpi da iniettare nel sangue di “pazienti cavia” per verificarne gli effetti vaccinali.
Ovviamente non sarebbe pensabile una procedura di trasfusione di massa, uno a uno, dell’eventuale siero dimostrato efficace.
Però sarebbe possibile la clonazione in laboratorio, e poi industrialmente degli antigeni efficaci.
In ogni caso, allo stato, vi sono non meno di 20 laboratori di ricerca in grado di isolare e clonare sinteticamente l’antigene, in Israele, in Cina, in Corea, in Giappone, primi far tanti altri.
Il problema è al momento testarne l’efficacia clinica con metodo scientifico a doppio cieco, avviare le tecniche di riproduzione industriale che prevedono di clonare miliardi di antigeni per produrre milioni di dosi vaccinali da inserire in fiale contenitrici con fluidi compatibili biologicamente ed iniettabili nel paziente.
Ci vorrà tempo, sperando che per qualche ciclo non si presenti un nuovo virus fortemente mutato.
...e tutto questo Alice non lo sa...🥰

frugolik
Messaggi: 1114
Iscritto il: 28/07/2014, 16:46
Località: Padova

Re: UNA VITA

Messaggio da frugolik »

Ciao, come stai?
Mio Dio, che sorpresa! non immaginavo certo che saresti venuto a trovarmi a quest’ora, dopo oltre quarant’anni che te ne eri andato all’altro capo del mondo!
Or ora sono arrivato, e mi sembrava brutto non venire per prima cosa a salutarti...disturbo?
Prendimi in giro! Vieni qui...lasciati abbracciare...non sei per niente cambiato...mentre io...
Hai sfidato il COVID-19 e le rigide prescrizioni governative!
C’è l’hai l’auto certificazione?
Macché...sono venuto per via aerea e l’auto non mi sarebbe certo servita su tanta distanza!😂
Quanto al COVID, ricorderai che nell’estate del ‘69 la “Spaziale di Hong Kong” mi mise a letto per parecchi giorni.
Ho acquisito allora una certa immunità da tutti i virus del ceppo Corona...non mi contagiano e quindi non li trasmetto!
Ricordo benissimo!
Appena guarito, e con le gambe ancora molli🤗 venisti da Milano a Pordenone a festeggiare il mio compleanno.
Ci rimpiazzammo di cannoli alla siciliana, la nostra passione, innaffiati con il Franciacorta Brut di zio Gualtiero.
Ne avanzammo abbastanza per il giorno dopo, quando li sbocconcellammo mentre assistevamo ai battibecchi tra Orlando e Stagno sul momento esatto dell’allunaggio del LEM.
Fabio non voleva dormire e piangeva come un disperato!
Lo prendesti tu sulle ginocchia e si calmò immediatamente, assopendosi davanti al tubo catodico in bianco e nero...potenza della televisione!😂
Come sto, mi chiedi?
Oggi bene quasi come prima!
Le ultime analisi del sangue hanno rilevato un forte abbassamento dei leucociti neutrofili.
Il sistema immunitario li utilizza per contrastare tutti i patogeni infettivi.
Siccome la chemioterapia sta avendo effetto sul tumore, quelli non servono e il midollo osseo smette di produrli.
Solo che l’organismo resta preda delle infiammazioni collaterali alla terapia.
Così il protocollo ha deciso di concedermi una decina di giorni di pausa...e gli effetti sono FANTASTICI!🤗🤗
E Antonietta come sta?
Bene, direi, compatibilmente con l’età...ora sta dormendo...a distanza di sicurezza!🥰
Salutamela!
Perchè? già te ne vai?
Sai bene che ho precise limitazioni alle mie passeggiate oniriche...devo andare!
Ciao, papà!...la prossima volta vengo a trovarti io, penso presto...ed avremo tutto il tempo che vorremo per starcene insieme!
🤗🤗😇😇

frugolik
Messaggi: 1114
Iscritto il: 28/07/2014, 16:46
Località: Padova

Re: UNA VITA

Messaggio da frugolik »

Dubito che siano in molti i lettori che ricordano lo scrittore Guido Fabiani.
Eppure vi fu un momento, nella prima metà del secolo scorso, che veniva considerato fra i massimi autori di libri per la gioventù.
Mia madre, che ne aveva letto uno e ne era “andata matta”, pensò di farmi cosa gradita, e contribuire alla mia formazione letteraria, regalandomene una copia, insieme a vari romanzi della serie “pirati della Malesia” di Salgàri, il giorno del mio settimo compleanno...MANI NERE E CUOR D’ORO.
Trascuro di raccontare a che punto della graduatoria di quelle letture lo posi...e lo pongo tuttora nel ricordo languido e struggente della mia prima fanciullezza.
Eppure ampi brani di quella lettura mi tornano spesso in mente quando penso con nostalgia alle carezze di mamma....🥰
“La mamma mi aggiustò la giacchetta di velluto nero, mi accarezzò la testa scuotendone i capelli, mi diede un bacio in fronte e...va, mi disse, affidandomi a Tonio, un ragazzone grande e grosso che mi avrebbe accompagnato nel viaggio che ci aspettava fra i camini delle case del Lombardoveneto...”
L’ho cercato su Amazon in queste ore, per lo sfizio di rileggerlo e...ne ho trovate decine di edizioni, una delle quali ho infilato nel carrello!😜

Rispondi